INTERNET PER ADULTI. (GUIDA PRATICA PER GENITORI ANALOGICI)

Ciao genitore! Hey! Tu che hai i figli alle elementari! (o alle medie, fa lo stesso). Insomma, tu che hai un figlio al quale hai appena comprato uno smartphone con-internet-incluso con la scusa che è l’unico modo che hai per controllarlo e proteggerlo. Volevo dirti che non hai capito un cazzo. Esatto, proprio così. Lo

Basta un sassolino

Oggi indosso le mie scarpe preferite.Sono le più comode, è come non averle ai piedi.Le ho pagate tanto,

Capita di capire

  …se riesci a imparare a chiacchierare più lento. e riesci a respirare tra una frase e l’altra e,

I LIKE TENDONO A FARTI DIVENTARE UN COGLIONE

Tanti like dimostrano la qualità delle tue parole? Se stai pensando “sì”: complimenti, sei un coglione. La risposta giusta è: una gloriosa ceppa. In questo post parleremo di consapevolezza for dummies, o se preferite di consapevolezza applicata alle pubblicazioni su facebook.Fateci caso: la ricerca spasmodica del like sta rovinando i nostri newsfeed nello stesso modo

LA MALINCONIA DELLO SPAZIOTEMPO

Albert Einstein l’aveva prevista nel 1916, l’esistenza delle onde gravitazionali, all’interno della sua Teoria Generale della Relatività: gli

Di un film che doveva essere bruttissimo e poi invece no. Tornatore, La corrispondenza

Il proprietario di questo sito ama i giochi di parole e probabilmente saprebbe inventarsi qualcosa di meglio di “Tornato re?” come grande domanda per introdurre le mie ciance sul film di Giuseppe Tornatore.Io, non senza una punta di imbarazzo per l’infelice calembour forzato, mi limiterò a rispondere al grande interrogativo, posto, più che da me, dalle

Socialmente …catti, o della sgraziata socialità sull’internet.

Avete mai finto di essere una ragazza all’interno di un social media? Io sì. Non è difficile. Create

Di Mastandrea che fa Mastandrea e lo fa anche molto bene. Repetita iuvant

La ragione per cui ti fidi e vai a vederne i film è la faccia. Tassativo: sei attirato al cinema come lo sei al suolo da una, effettiva, forza di gravità, in ogni senso. Ha una faccia che dice molto, Valerio Mastandrea, e dice tutte cose che tu vorresti sentire. Quindi, anche quando la locandina

Suburra, in lingua originale senza sottotitoli

Considerando che l’ho visto agli sgoccioli della sua programmazione nelle sale, a giudicare dalla quantità di persone presenti devo supporre che questo film abbia avuto un successone.Sala piena di gente sempre più maleducata, in vero: in ritardo sull’orario, rumorosa e lenta nel sistemarsi… senza nessun segno di quella contrizione che io ho pure se arrivo

IO E LEI. (LETTERA D’AMORE)

mood song: 2cellos – Shape of my heart Io la amo, come si può amare solamente una donna con cui stai da tanti anni, una donna che cerca di non annoiarti mai. Io la amo, perché quando torno a casa, la sera, so che mi aspetta, sempre, pronta ad ascoltarmi e a suggerirmi ciò che il

Blue moon Yoga, banane e culi al vento.

Primo giorno di ferie: decido di stare a casa a poltrire, come tutti gli altri giorni. Perché io

Come se il tuo cuore lo vedessero tutti

C’è questa cittadina da qualche parte degli Stati Uniti dove la gente è rotta, non nel senso di lacero-contusa, ma proprio di rotta dentro. Dici: sono robot? No, sono rotti come siamo tutti quanti, che è la verità più vera di tutte.La gente sono rotti perché tutti i pensanti c’hanno un dolore dentro, più o

No, non hai diritto alla tua opinione.

[… la prossima volta che sentite qualcuno dichiarare di aver diritto alla propria opinione, chiedete perché ritiene che

Scusa ma ti chiamo Rambo

Ho visto un film ma forse era meglio di no. The gunman parla di uno che sta in

FILMATI IN VERTICALE: L’OVVIO CHE SMETTE DI ESSERE OVVIO

Questa mattina mi sono imbattuto in un videotutorial girato nel 2012 in cui viene affrontata la “Vertical video Syndrome”. Un video popolare, che ha oggi oltre 6 milioni di visualizzazioni e che, tre anni fa, grazie all’aiuto di alcuni simpatici pupazzetti, denunciava la dilagante e odiosa piaga dei filmati girati in verticale. Nella stessa mattina, scorrendo il newsfeed ho

Il naufragio della resilienza

Chi mi conosce bene sa, e forse ne è pure annoiato, che la mia parola preferita è resilienza. Riassunto in termini non troppo freddi, il significato è più o meno “restistere al cambiamento senza collassare”. Le mie parole preferite descrivono concetti che non so applicare. Resilienza è la cosa più lontana da me e ci

Sorryntino, non ci siamo capiti, ma è stato bello lo stesso

Per parlare di Youth devo prendere la rincorsa e iniziare da This must be the place e ripassare su La grande bellezza (di cui già esiste un mio commento, qui, che tuttora mi sembra sensato). Chiameremo questi tre film “LFA, La fase americana”, ovviamente in senso figurato molto più che geografico. Sorrentino usa creare degli eroi.

VOLARE ALTO …per vedere l’uscita d’emergenza.

“Vieni più vicino” Così ti diceva quel cartellone. “Da vicino si vede meglio.” Vieni più vicino. Così vicino