PETARDI PETARDI PETARDI.

Sarà che sta per iniziare l’inverno, sarà che la passione per gli oggetti incandescenti & detonanti non è mai passata, fatto sta che mi ritrovo a ricordare con malinconia e gioia quello che posso chiamare -con una lacrima di nostalgia che mi riga il volto- “il tempo dei petardi”. Che cazzo di figata. Mi si scusino le parolacce ma l’infogo, nei giovani cagliaritani d’oggi prende in questa maniera. Si proferiscono parole scurrili non per maleducazione ma unicamente per mostrare passione. Quindi CAZZO,MINCHIACULOFIGATETTE, che grandissima gioia era avere la tua scatola di Fiesta. O di Raudi. O i Minerva, e se proprio eri un temerario, (e se a casa te li lasciavano comprare) i MEGA.

La scatola di petardi era un tesoro, un forziere di piccolissimi lingotti esplosivi con cui potevi fare tanti divertentissimi giochi vandali: metterli sotto terra per simulare le mine antiuomo, inserirli all’interno di lattine, bottiglie, muretti di mattoni e vederli saltare in aria in maniera sempre diversa, sempre fantastica, sempre gustosamente rumorosa. I petardi si lanciavano all’uscita di scuola; poi, per me che avevo “il rientro” serale, quel rumore, quel lampo nella notte e gli antifurti delle macchine che suonavano subito dopo erano un respirare una libertà tutta nuova. Santissimi petardi. Mi sto infogando come poche volte accade. Questo carnevale andrò a comprarmi una scatolona di MINERVA, TRE STELLE ***(i più potenti, anche se leggenda narrava ci fossero anche i 4 stelle), e recuperate numerose macchinine dalla cantina ne farò esplodere il più possibile. Ovviamente non sarò solo, questo revival è condiviso da molti adepti. E so già che sarà un successo.

Questo flusso di incoscienza deve finire.

“E non sono infantile. Mi lascio solo trasportare.”

accalloNation
Sono uno che si dimentica tutto.
uno che si è dimenticato cosa significa andare dal parrucchiere.
Sono uno che ride da solo.
Sono uno che non piange da solo.
Sono uno che odia le cose preconfezionate.
Sono uno a cui piace smontare le cose.
Sono uno a cui piace anche rimontarle, le cose.
Sono uno a cui non piacciono i dolci, ma la panna montata sì.
Sono un montato, come la panna, ma ho superato i 32 anni, quindi sono rancido.
Sono uno che non si entusiasma mai, oppure che si entusiasma troppo.
Sono uno a cui piace conoscere la gente rotta.
Sono uno che si rompe in fretta della gente che non ha dubbi.
Sono uno a cui piace il silenzio senza gli imbarazzi del silenzio.
Sono uno a cui piace ascoltare il fondo del mare.
Sono uno a cui piace guardare il fondo del bicchiere.
Sono uno a cui piace toccare il fondo.
Risalire, anche risalire mi piace, ma per arrivare alla cima ci sono molte strade, e io sono ancora fermo all’incrocio.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: